Richiedere il riconoscimento della protezione internazionale

In Italia il diritto di asilo è garantito dall’art.10 comma 3 della Costituzione: “Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge".

Il riconoscimento della protezione internazionale può essere richiesto solo da coloro che, nel Paese di provenienza, hanno subito persecuzioni dirette e personali per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le proprie opinioni politiche ovvero hanno fondato e ragionevole timore di subire tali persecuzioni nel caso in cui vi facciano ritorno. La richiesta di asilo deve essere inoltrata presso l'Ufficio Immigrazione della Questura competente per territorio.

In relazione alla particolare condizione, può essere riconosciuto al cittadino straniero che ne faccia richiesta lo status di rifugiato o lo status di protezione sussidiaria.

Nello specifico, il rifugiato è un cittadino straniero il quale, per il timore fondato di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o opinione politica, si trova fuori dal territorio del Paese di cui ha la cittadinanza e non può o, a causa di tale timore, non vuole avvalersi della protezione di tale Paese. Può trattarsi anche di un apolide che si trova fuori dal territorio nel quale aveva precedentemente la dimora abituale e, per le stesse ragioni, non può o non vuole farvi ritorno.

E' invece ammissibile alla protezione sussidiaria il cittadino straniero che non possiede i requisiti per essere riconosciuto rifugiato ma nei cui confronti sussistono fondati motivi di ritenere che, se ritornasse nel Paese di origine, o, nel caso di un apolide, se ritornasse nel Paese nel quale aveva precedentemente la dimora abituale, correrebbe un rischio effettivo di subire un grave danno.

Sono esclusi dalla protezione gli stranieri già assistiti da un organo o da un'agenzia delle Nazioni Unite diversi dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Lo status di rifugiato e la protezione sussidiaria sono riconosciute all'esito dell'istruttoria effettuata dalle Commissioni Territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale.

Per maggiori informazioni rivolgersi:

  • Ufficio Immigrazione:

Ufficio Immigrazione AnconaUfficio Immigrazione Pesaro - UrbinoUfficio Immigrazione MacerataUfficio Immigrazione Fermo Ufficio Immigrazione Ascoli Piceno.

  • Prefettura:

Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di AnconaPrefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Pesaro - UrbinoPrefettura - Ufficio Territoriale del Governo di MacerataPrefettura - Ufficio Territoriale del Governo di FermoPrefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Ascoli Piceno.

Fonte: Ministero dell’Interno

Ultima modifica il Giovedì, 13 Settembre 2018 06:23