Il rapporto UE-OCSE: "Settling In 2018. Indicators of Immigrant Integration"

La Commissione europea (DG Migrazione e affari interni) e l'OCSE - Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Divisione internazionale sulla migrazione) hanno pubblicato il rapporto "Settling In 2018. Indicators of Immigrant Integration". La seconda edizione fornisce uno studio internazionale comparato sul livello di integrazione degli immigrati e dei loro figli nei paesi di accoglienza.

Il report monitora 74 indicatori in materia di competenze e settori di lavoro; condizioni di vita; impegno civico e integrazione sociale in tutti i paesi dell'UE e dell'OCSE, nonché in paesi selezionati del G20 non OCSE. Fornisce quindi ai responsabili delle politiche parametri di riferimento utili per mettere a confronto i livelli di integrazione dei migranti nel proprio paese con quelli di altri paesi e identificare le buone pratiche. Ciò dovrebbe aiutare i paesi a progettare politiche migliori per un'integrazione più efficace dei migranti e dei loro figli, a beneficio sia delle società di accoglienza che dei migranti stessi.

Nel 2010, gli Stati membri dell'UE hanno adottato, sotto la presidenza spagnola, indicatori comuni per monitorare l'integrazione dei cittadini di paesi terzi in quattro aree: occupazione, istruzione, inclusione sociale e cittadinanza attiva. Pertanto, un capitolo specifico della relazione "Settling in 2018" è dedicato alla situazione dei cittadini di paesi terzi nell'Unione europea e può essere utilizzato per il monitoraggio dei cosiddetti indicatori "Saragozza".

Per quanto riguarda i cittadini di paesi terzi nell'UE, la relazione identifica sia i progressi che le prossime sfide. Alcuni dei risultati chiave includono:

- Nel 2017 l'UE ospitava 21,6 milioni di cittadini di paesi terzi, pari al 4,2% della popolazione totale. Quasi la metà dei cittadini di paesi terzi nell'UE ha vissuto nel paese ospitante per 10 anni o più.

- La maggior parte dei cittadini di paesi terzi in età lavorativa residenti nell'UE sono occupati (55%), sebbene permanga un divario persistente (13% punti) rispetto ai cittadini dei paesi ospitanti (68%) - che è ancora più pronunciato tra le donne.

- Sono stati registrati progressi nel settore dell'istruzione: i giovani (18-24 anni) provenienti da paesi terzi hanno meno probabilità di lasciare la scuola in anticipo senza diploma (23%) rispetto a dieci anni fa (34%) - sebbene il tasso rimanga molto più elevato rispetto ai cittadini dei paesi ospitanti (10%).

- Tra gli adulti cittadini di paesi terzi, la quota di coloro che hanno un basso livello di istruzione rimane molto più elevata (44%) rispetto ai cittadini nazionali (21%). Tuttavia, i progressi sono stati registrati a tutti i livelli di istruzione e nel 2017, un quarto dei cittadini di paesi terzi residenti nell'UE erano altamente istruiti - una quota di soli 5 punti percentuali in meno rispetto ai cittadini nazionali.

- Un gran numero di cittadini di paesi terzi - 5,7 milioni - vive in povertà relativa (cioè reddito al di sotto della soglia di povertà). Questo numero si traduce in una quota del 39%, oltre il 17% di due cittadini ". Nella maggior parte degli Stati membri dell'UE, oltre un terzo dei cittadini di paesi terzi vive in condizioni di povertà.

- Infine, in tutti i paesi dell'UE (e dell'OCSE) oltre l'80% degli immigrati dichiara di sentirsi "vicino o molto vicino" al proprio paese ospitante. Tuttavia, in tutta l'UE, quasi un cittadino su cinque di paesi terzi sente di appartenere a un gruppo discriminato per motivi di etnia, nazionalità o razza.

Il rapporto include anche due capitoli specifici sui giovani con un background migratorio (compresi quelli nati con genitori nati all'estero) e un capitolo sulle differenze di genere.

Il documento è scaricabile dal sito dell'OCSE.

Fonte: OCSE

Ultima modifica il Mercoledì, 09 Gennaio 2019 10:54